Il cantautore Gianmaria Simon è figlio delle Apuane e, come tutti coloro che arrivano da lassù, nutre una visione eccentrica della realtà. Sarà per il paesaggio lunare e spigoloso, sarà per il marmo che si accumula in una memoria di duro lavoro, subalterno, rischioso, sempre sul filo di lana, ma chi nasce e cresce aggrappato a quella terra di povertà e di fatica finisce per osservare il mondo ai margini e dai margini. Privilegiando le “scorie” della società, quello che la comunità espelle perché fuori forma, perché diverso, perché eccezione.  

                                                                           Fulvio Paloscia “La Repubblica”

Le undici tracce presenti in scaletta sono un turbinio di luci e vividi colori che scaldano il cuore, undici ritratti che trattano di individui che vivono ai margini della società benpensante. Un caleidoscopio di calde emozioni da assaporare con un buon bicchiere di vino rosso.

                                                                          Alessandro Bonetti “Rockerilla”

 

Un viaggiatore nello spirito e nell’ispirazione che fotografa personaggi e scene del quotidiano, quadrando nel suo multilinguismo un cerchio che lambisce Capossela, Buscaglione, Paolo Conte ma anche Jaques Brel.

                                                                        Giulia Nuti “Il Mucchio Selvaggio”

 

Booklet-pag 01

 

 

  Acquista L’ennesimo Malecon
  nella versione digitale su

  itunes-logo1 Amazon-logo-apre-cagliari

                   

 

 

Folle è qual crede in questo mondo loco
dove si possan tener fermi i piedi,
che tutto è buffa e truffa e falso gioco

                                                  Fazio degli Uberti